I Ritratt
( I Ritratti - fotografie - )

A goô un ricordu vecc in la mia cà
che 'l var negutt, ma l'ga tanti valur,
ghe dent la scepa, per mi la puseê cara
de noni, zì e di mè genitur.

Na scatula di scarp tuta inculada
in del cuerc ghè scrivu su "Ritratt"
l'è piena di me gent e de paesan
la ga i cantun un poô mangiaa di ratt.


Ogni tant la dervi e vardi amò
sti facc che ai temp i m'era tant visin,
i ne n'daâ tucc pian pian, ciamaâ
chi giuven e chi vecc dal so destin.

Girandu in del paes anca adess noti
vergutt de alura, fa propi de quii gent,
che in quela scatula, cun i so man nudus,
la mi mamm i ritratt la metù dent.


I sara staâ ignurant in vari robb,
ma in quel che tant i predica, l'amur,
per el paes, la natura, per la gent,
mi soo cunvint ghem de imparà de lur.

Quant a rimeti a post tutt i mè gent
e sari su el cuerc cun nustalgia,
vel disi a tucc e soo cuntent de fal,
na lacrima me scapa sempru via.


In del canteran rimeti dent la scatula
e pensi che purtropp in de quai dì,
ma ciapa un grup in gula de malincunia:
ghe andarà dent anca il ritratt de mi.
C'è un ricordo vecchio, in casa mia
che non vale niente, ma per me
ha un valore grande, perchè
c'è il ceppo della casata mia.

Una scatola di scarpe, qua e là incollata
sul coperchio c'è scritto "RITRATTI"
ci sono le foto della mia gente e di paesani
ha gli angoli un po' rosicchiati dai topi.


Ogni tanto la apro e guardo ancora
quelle facce a me tanto care
chiamate tutte, ognuna al suo destino,
chi giovane e chi vecchio, piano piano.

Girando nel paese anche adesso
noto qualcosa costruito da quella gente
le cui foto, in quella scatola, ha messo
mia mamma con le sue mani rugose.


Saranno stati ingoranti in varie cose
ma per quello dell'amore
per il paese, per la gente, per la natura
credo si debba imparare da loro.

Quando rimetto a posto le fotografie
e chiudo la scatola, con nostalgia
- ve lo dico e son contento di farlo -
una lacrima mi scappa sempre via.


Rimetto al suo posto la scatola nell'armadio
e penso che, purtroppo, verrà il giorno,
e mi sento un groppo in gola di malinconia,
che anche il mio ritratto finirà lì.

torna su