I Sedell de Ram
( I Secchi di Rame )

Si li amò taca su,
o dù sedell de ram
e quand ve vardi là
me turna in ment la fam.
Siî un tocc de la mia vita
e li anca abeverada,
quanti vol mi voô purtaâ
insemm nem faâ de strada.
De frunt al Pizzagall
a ghera la funtana,
li ve impiendivi d'acqua,
che alura l'era sana.
Se regorduff quanti viacc
quand nun me se lavava,
e giu in dela tinozza
tus dù se travasava?
Mi ve ciamavi per num
ti Pinta e ti la Nina
e seruf semper lucid
lustraâ de aseê e farina.

Per via di zuculett
anca per la risciada,
soô burlaâ giu e ti Pinta
un poô toô sbumbulada.
Eri ciapaâ un pelocc
dela mia mam, la Neta,
sul tò capin ridivet
e favet dunduleta.
Ne saltaâ fò una nova,
e propi du di dreê,
che me tucaâ purtaf
a scundess sul suleê.
El duce el cunfiscava
i ver e un po' anca el ram,
a nun, por matacoô
che gherum sempru fam.
Dopu, finii la guera,
vem subet liberaâ
de mi e la mi mam
al fium si staà lustraâ.
Alura amò i viacc
cum mi i riprenduû
finchè un bel di in cà
nun l'acqua ghem metuû.
Adess vardanduf là
me senti in culpa un poô,
ma mi ve vori ben:
finchè che ghe saroô.


Siete lì ancora attaccati
all'apposito mobiletto
e quando vi guardo
mi ricordo i tempi della fame.
Siete un pezzo della mia vita
e mi avete anche dissetato
quante volte io ci ho portato
insieme ne abbiam fatta di strada.
Di fronte al Pizzagallo
c'era la fontana
vi riempivo d'acqua
che allora era buona.
Vi ricordate quanti viaggi
quando ci si lavava
giù nella tinozza
tutti e due vi travasavo?
Vi avevo dato un nome
una Pinta e una Nina
ed eravate sempre lucidi
puliti con aceto e farina.

Per colpa degli zoccoli
caddi sull'acciottolato
e per la gran botta, Pinta
restasti un po' ammaccata.
Presi una gran sberla
dalla mia mamma,
mi sembrò che la Pinta
sorridesse dondolando.
Qualche tempo dopo
ci fu una novità
e fui costretto
a nascondervi sul solaio.
Il duce confiscava
le fedi ed anche il rame
a noi, povera gente,
che avevamo sempre fame.
Poi, finita la guerra
vi riprendemmo subito
ed io e la mamma
vi lucidammo, al fiume.
Feci ancora i viaggi
con voi alla fontana
ma poi un giorno, in casa
inserimmo anche noi l'acqua.
Mi ricordate il passato, vi guardo
e mi sento un po' in colpa
ma vi voglio bene
e avrò cura di voi, finchè ci sarò.



torna su